Qualis pater, talis filius.

"Roberto Bossi, figlio del leader della Lega Nord, è stato condannato dal giudice di pace di Gavirate (in provincia di Varese) per ingiuria e lesioni: avrebbe insultato un militante 49enne di Rifondazione comunista che stava attaccando manifesti elettorali, lanciandogli contro, assieme a un altro giovane, anche un gavettone che conteneva candeggina. Lo ha reso noto il legale dell'esponente di Rifondazione, l'avvocato Massimiliano D'Alessio. Il figlio di Umberto Bossi dovrà versare un risarcimento di 1.400 euro."

Non si puo' pretendere che da Umberto Bossi vengano cresciuti figli civili, rispettosi ed educati… no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.