L’Italia dell’odio.

“SOLO nella “democrazia dell’applauso” che Berlusconi gradisce può succedere che la voce di una piazza, sicuramente severa ma serena, venga tacitata con uno spregevole “frottole e insulsaggini”. Solo nell'”Impero dell’assenso” cui il Cavaliere ambisce può accadere che alla critica di un oppositore, sicuramente aspra ma legittima, si risponda con uno sprezzante “si riposi e ci lasci lavorare”.”

“Denigrare continuamente e in qualche modo offendere quella gran parte di Italia che ieri è scesa in piazza con serietà, sobrietà e serenità – aggiunge Finocchiaro – vuol dire dimostrare un’arroganza davvero fuori luogo. Il Pdl ne prenda atto e ne tenga conto: l’opposizione del Pd è forte in Parlamento e nel Paese”.

Ma i toni del centrodestra restano alti. E così il presidente dei deputati del Pdl Fabrizio Cicchitto tornare a lanciare la guerra dei numeri (“erano solo 300mila”), a definire quello di Veltroni “un normale comizio per l’apertura della campagna elettorale” e a ricordare la vittoria elettorale berlusconiana (“nulla fa pensare che i rapporti di forza espressi dall’urna si siano modificati”). Per Domenico Gramazio di An, al Pd “continua a mancare il senso della realtà”, mentre il compagno di partito Maurizio Gasparri parla esplicitamente di “flop”. Unica voce meno polemica quella del vicepresidente vicario del gruppo Pdl Camera, Italo Bocchino, per il quale “sarebbe interessante se Veltroni desse il via a quel percorso riformatore interrotto dopo il voto, isolando l’irresponsabilità di Di Pietro”. Quel Di Pietro di cui l’ex presidente della Camera, il democratico Luciano Violante, vede “come un fatto positivo la presenza alla manifestazione”.

Le reazioni sono a tal punto scomposte che, a un certo punto, Anna Finocchiaro s’arrabbia. “Dovrebbero avere più rispetto per una manifestazione che ha portato in piazza oltre due milioni di persone. Il Pdl impari a rispettare l’opposizione, come abbiamo fatto noi quando a manifestare furono loro”.

Ma il partito di Silvio Berlusconi non perde tempo per sottolineare l’inutilità della piazza, di fronte al consenso ottenuto dal centrodestra ad aprile e al gradimento per il governo e il presidente del Consiglio che, syando ai sondaggi, spopola. Così c’è chi, pallottoliere alla mano, taglia il numero dei partecipanti (poche centinaia di migliaia contro i due milioni e mezzo annunciati dagli organizzatori). O minimizza la portata dell’intervento del segretario definendolo “noioso e pieno di gaffes”. Ma il vero coro è: “Ad aprile gli elettori hanno scelto noi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.