Fazio chiede scusa in Tv a Schifani: “Nessuna congiura o complotto”

“Dure polemiche dopo le affermazioni del giornalista su Rai 3, Di Pietro: “Ha fatto il suo dovere, non si cancella il passato con un colpo di spugna”. La dura condanna del direttore generale della Rai. Critica anche Finocchiaro: “Attacchi senza contradditorio”.

ROMA – Scatenano un putiferio politico gli attacchi di Marco Travaglio al presidente del Senato, Renato Schifani. Ieri sera il giornalista, intervistato da Fabio Fazio durante “Che tempo che fa”, aveva citato un brano di un proprio libro in cui si diceva che Schifani aveva avuto rapporti con persone condannate per mafia. Una frase che ha provocato una bufera. “Si tratta di fatti inconsistenti o manipolati che non hanno nemmeno la dignità per generare sospetto”, ha replicato oggi in serata Schifani, intervistato dal Tg2. Forti critiche sia da parte del Pdl, che chiede anche un intervento sanzionatorio da parte della Rai, che da qualche esponente del Pd, mentre Di Pietro si schiera con Travaglio. Venendo per questo a propria volta attaccato da diversi esponenti della destra. […] Fonte repubblica.it

E succedera’ come le altre volte in cui Travaglio e’ stato denunciato, ed ha sempre vinto le cause e preso dei soldi. Travaglio non ha esposto dei suoi pensieri, ma semplicemente riportato dei fatti. Dopo le scorse esperienze, si veda per esempio il caso Luttazzi-Travaglio, Travaglio si e’ molto tutelato, se prima diceva fatti di cui era certo, ora dice solo cose di cui e’ certissimo. Quindi Schifani ha avuto rapporti con persone condannate per mafia, ed ora e’ presidente del Senato. Forza Italia!

Pessimo e’ stato anche Fazio, a chiedere scusa, manco avesse detto lui qualcosa. Poi, chiedere scusa di cosa? Di aver lasciato Travaglio dire le cose come stanno?

1 thought on “Fazio chiede scusa in Tv a Schifani: “Nessuna congiura o complotto”

Rispondi a Marco Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.